Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

venerdì 12 settembre 2008

L'Unità pubblica un mio post senza citare la fonte


Ieri su l'Unità online, è comparso un articolo a firma Marco Filippetti : "Leghisti a congresso con l'estrema destra europea".

Il tema mi interessa, leggo l'articolo e scopro che quello di Marco Filippetti non è un'articolo nuovo bensì rubato a Daniele Sensi



I due articoli a confronto



Leghisti a congresso con l'estrema destra europea

Pubblicato il: 22.08.08
Modificato il: 11.09.08 alle ore 10.01 da
Marco Filippetti su l'Unità online


I leghisti cercano alleanze con l’estrema destra europea per dar manforte alle loro “crociate” contro le moschee. L’eurodeputato Mario Borghezio, parteciperà, dal 19 al 21 settembre, al “Congresso contro l’islamizzazione” indetto a Colonia dal movimento di destra "Pro Köln". Ne dà notizia il sito informativo francese Rue 89 (fondato da giornalisti dell'autorevole quotidiano Libération).

La galassia della destra xenofoba europea si ritroverà nella città tedesca di Colonia per cercare di innalzare muri ideologici e anche fisici contro quella che viene chiamata l'«invasione musulmana», a difesa delle città «cristiane» europee. Si sa che l’ultradestra rivendica da sempre la superiorità cristiana contro “il cattivo" musulmano dalla scimitarra affilata, rievocando episodi epici come la battaglia di Lepanto o quella di Poitiers dove il re cristiano Carlo Martello “cacciò” dalla Francia le truppe musulmane nel 732 dC.

A destare qualche perplessità è la presenza al congresso di un deputato di un partito di governo di un paese fondatore della Ue, nonché titolare del ministero degli interni e delle riforme. Mario Borghezio della Lega Nord appunto.

La Lega è un partito molto complesso, che si potrebbe definire “multilivello”. A differenza dei partiti politici provenienti dalla tradizione novecentesca il “Carroccio” ha decine di anime interne. Quella di governo capitanata da Maroni e Bossi, quella legata ai piccoli e medi imprenditori lombardo-veneti, quella sindacale vicina al mondo del lavoro, quella dei sindaci "sceriffo" con a capo Flavio Tosi, primo cittadino di Verona e Gentilini, pro sindaco di Treviso. Addirittura nei primi anni di fondazione della Lega Nord c’era anche un gruppo che si identificava come “comunisti padani” successivamente disciolti e fuoriusciti.

Ma in questo caso parliamo della Lega populista e xenofoba, quella che nel Nord Est mantiene rapporti con l’estrema destra più razzista come “Forza Nuova”. Quella Lega capitanata da Mario Borghezio che arringa le folle inneggiando violentemente alla superiorità della Padania e alla “cacciata” dei mussulmani e degli immigrati dal nostro Paese. Sicuramente non tutto il partito ha le posizioni di Borghezio. Ma se un eurodeputato leghista partecipa ad un convegno con i neonazisti, le correnti più “moderate” dovrebbero prendere posizione in proposito visto che sono al governo di un Paese democratico.

Tra i movimenti che interverranno ci sarà il fiammingo Vlaams Belang, nato sulle ceneri del Vlaams Blok, partito ultranazionalista sciolto dall’Alta Corte belga per incitamento alla discriminazione e all’odio razziale. Saranno presenti alcuni membri dell’Npd, organizzazione tedesca dichiaratamente neonazista che in certi stati del nord della Germania arriva a prendere il 30 per cento dei consensi. In occasione del 60° anniversario della fine delle seconda guerra mondiale, gli attivisti dell’Npd provocarono duri scontri a Berlino. I neonazisti pretesero di arrivare in corteo alla Porta di Brandeburgo, nei pressi del Memoriale della Shoah, sventolando bandiere con la croce uncinata. Due anni fa invece, alcuni senatori dell’ Npd eletti al Bundestraart (il Senato federale) uscirono dall’aula mentre la Camera osservava un minuto di silenzio in memoria delle vittime di Auschwitz.

Al convegno hanno aderito anche i “pezzi grossi” dell’estrema destra del Vecchio continente. L’austriaco Fpö, partito dell’ex governatore della Carinzia, Jorge Haider, ma soprattutto il leader del Front National, il francese Jean Marie Le Pen, da sempre punto di riferimento politico delle destre ultranazionaliste. Mario Borghezio intanto ha confermato in una recente intervista la sua presenza, dichiarando di non sapere della partecipazione di gruppi neonazisti.

Altre presenze inquietanti sono quelle dei cosiddetti teorici della destra radicale. Dovrebbe essere certa la presenza del movimento "Lavoro, Famiglia e Patria" di Henry Nitzsche (già membro della Cdu ma indotto ad abbandonare il partito a seguito di sempre più esplicite manifestazioni di simpatia per l’estrema destra neonazista. Nitzsche porta le istanze dell' Npd in Parlamento), e della rivista, anch’essa tedesca, Nation-Europa, fondata da ex appartenenti alle Ss e le cui pagine vantano la firma di Alain de Benoist, ideologo della “Nouvelle Droite” -la nuova destra francese- che tanto successo riscuote anche a casa nostra, come si può riscontrare visitando il sito internet dei Giovani Padani (organizzazione giovanile della Lega) che lo inseriscono tra i “Buoni Maestri”, o nei vari spazi informativi dell’estrema destra nostrana.

Ultime adesione vengono da altri movimenti xenofobi tedeschi come i “Republikaner” e la “Deutsche Liga für Volk und Heimat” (cioè lega tedesca per il popolo e la patria). Ci saranno anche ospiti provenienti dal mondo anglosassone e da Oltreoceano. Dagli Usa arriverà il “Robert Taft Group”, e dalla Gran Bretagna gli ultranazionalisti del British National Party, protagonisti della protesta contro la più grande moschea d’Europa, quella di Frinsbury Park a Londra.

Secondo lo storico francese Jean-Yves Camus, uno dei maggiori studiosi dei movimenti dell'estrema destra in Europa, gli organizzatori dell'evento si sarebbero riuniti qualche tempo fa ad Anversa per lanciare un movimento europeo contro l'islamizzazione delle città. Quella di Colonia potrebbe essere solo una prima tappa di una strategia comune ben piu ampia. E la Lega che fa?


Lega Nord a congresso con i neofascisti di tutta Europa

Pubblicato martedì 29 luglio 2008 da Daniele Sensi

La Lega Nord aderisce al “Congresso contro l’islamizzazione” indetto a Colonia, dal 19 al 21 settembre prossimo, dal movimento "Pro Köln". Ne dà notizia il sito informativo francese Rue 89.

Al congresso sarà presente un po’ tutta la galassia dell’estrema destra europea. Tra gli altri interverranno il fiammingo Vlaams Belang, nato sulle ceneri del Vlaams Blok, partito sciolto dall’Alta Corte belga per incitamento alla discriminazione e all’odio razziale, e l’Npd, organizzazione orgogliosamente neonazista che in certe regioni del nord della Germania supera il 30 per cento dei consensi. LNpd, per intenderci, è quel partito i cui deputati, un paio di anni fa, uscirono dall’aula mentre l’Assemblea osservava un minuto di silenzio in memoria delle vittime di Auschwitz, e che, in occasione del 60° anniversario della fine delle seconda guerra mondiale, pretendeva di poter andare a sventolare bandiere uncinate nei pressi della Porta di Brandeburgo, a pochi metri dal Memoriale della Shoah.

Annunciata, anche, la presenza del "Lavoro, Famiglia e Patria" di Henry Nitzsche (già membro della CDU ma indotto ad abbandonare il partito a seguito di sempre più esplicite manifestazioni di simpatia per l’estrema destra neonazista), e della rivista, anch’essa tedesca, Nation-Europa, fondata da ex appartenenti alle SS e le cui pagine possono vantare la firma di Alain de Benoist, ideologo della Nuova Destra francese nonché uno dei “Buoni Maestri” dei nostri Giovani Padani, come si può leggere sul loro sito.

Ovviamente aderiscono pure l’Fpö austriaco ed il francese Front National di Le Pen, adesione, quest’ultima, che desta qualche preoccupazione oltralpe. Ma che dire, allora, della Lega Nord, che non solo propone gli stessi odiosi argomenti di Le Pen, che non solo, a differenza di Le Pen, trova sponda elettorale presso gli altri partiti di destra e del centro destra, ma che pure, sempre a differenza di Le Pen, insieme a quegli altri partiti se ne sta tranquilla e minacciosa al governo?

Comunque vadano pure, gli impenitenti leghisti, a levare la spada dell’Alberto da Giussano in mezzo a rune e croci celtiche. Che Roberto Maroni poi la smetta di affermare, però, con un’irritante faccia tosta, che i suoi provvedimenti in materia di immigrazione sono vittime di pretestuosi “fraintendimenti”.

E bravo! Bella serietà copiare così, dagli articoli altrui ( e c'è n'è di roba copiata).
Trattasi di scorrettezza punto e basta
E allora ...ci vogliono pubbliche scuse, Marco Filippetti. Non le pare?

13 commenti:

daniele sensi ha detto...

Grazie mille Ros@. Che dire? Bel post!

Ros@ ha detto...

Ringraziare? E di che cosa! Questo è solo l'inizio, l'articolo è tuo e...giustizia sarà fatta.
Buona notte

Anonimo ha detto...

Certo adesso con la super CONCITTA donna di ferro le cose sono notevolemente cambiate...
parla parla ma è un'altra che non ci capisce una mazza, va avanti ad ideologie e campagne diffamatorie, e ora ruba anche gli articoli ai blogger...
meno male che dovevano dare un'aria nuova....

DMAN ha detto...

ma che centra sta concita.. è un errore del singolo giornalista, errore per modo di dire, scopiazzare è grave.
Scrivetelo su tutti i vostri blog, è l'unico modo per difenderci!

il Russo ha detto...

Tutto sommato hai fatto qualche contatto in più ma mi spiace quello che ho scritto sul blog di Daniele, che stimo e proprio per questo sò che accetta anche una mia opinione discordante, te lo riporto.
Ho aspettato un pò a esprimere la mia opinione ma ora lo faccio.
Eccomi a fare la voce dissonante dal coro: alzi la mano il blogger o il cybernauta che non é, mai andato a pescare a piene mani (senza citarlo) da un'altra parte.
Bene, mi autodenuncio. Io sono il primo che (professando il copyleft) lo fà, aspetto articolo sdegnato su ok notizie.
Mi spiace, ma stavolta non sono d'accordo con la maggioranza, sennò ha ragione mediaset quando chiede i danni a you tube.
Questo pezzo ha fatto un piacere solo ai detrattori de l'Unità e a ciò che rappresenta, sono il primo a fare il cavaliere senza macchia e senza paura, ma in questo caso paura di che?

p.s. I miei pezzi, ma é verificabile da tutti quelli che mi frequentano, siccome non vengono fatti a scopo di lucro sono saccheggiabili liberamente come é già stato fatto ma, ribadisco, io posto notizie perchè vengano diffuse, non per guadagnarci alcunchè, io non lavoro, divulgo. Mi spiace se questa mia posizione non farà piacere, ma tant'é.

daniele sensi ha detto...

O beh, Russo - se è solo per questo non hai idea di quanta divulgazione io abbia fatto a gratis per la carta stampata. E non hai idea, forse, di quanti giornali online abbiano già "saccheggiato" il mio blog (e pure lì io, come te, mi dicevo: l'importante è la notizia). Quando però non hai una lira in tasca e il giornale che ti copia è non solo il giornale cui ti senti legato da un vincolo quasi familiare ma pure quello cui hai più volte inviato curricula e articoli (perchè per poter scrivere e servire la causa bisognerebbe anche avere lo stomaco pieno) senza ricevere nessun cenno, beh, mi pare inevitabile (e legittimo e corretto) che al senso di delusione si aggiunga quello della beffa.

Tu6Currau ha detto...

@ Rosa

Grazie per avermi informato di questa storia. Ho divulgato anch'io, come puoi leggere...

Ros@ ha detto...

@ il russo :
"...Questo pezzo ha fatto un piacere solo ai detrattori de l'Unità..."
Beh se ti riferisci e ti limiti a leggere solo il titolo,forse hai ragione!
Ma al titolo segue tutto un discorso che non pùò essere frainteso, e che si riferisce alle azioni di un singolo ( Filippetti)
Il giornale in questione non può avere delle responsabilità in quanto non è tenuto a verificare l'autenticità dell'autore (Sensi), e questo penso sia chiaro. Agli storici detrattori politici dell'Unità,tutt'al più aggiungiamo qualche cretino.

"...alzi la mano il blogger o il cybernauta che non é, mai andato a pescare a piene mani (senza citarlo) da un'altra parte..."
Se non mi è dato saperlo, come faccio a citare la fonte? Di solito cito sempre l'autore di tutte le cose da cui attingo a piene mani. Quindi alzo la mano!

"...Mi spiace, ma stavolta non sono d'accordo con la maggioranza, sennò ha ragione mediaset quando chiede i danni a you tube..."
Mi dispiace ma , stavolta non riesco a capire il paragone.
La questione è molto più semplice: trattasi di un giornalista che si appropria di un elaborato altrui spacciandolo per farina del suo sacco.
Capirei, se avesse attinto dall'articolo di Daniele e avesse elaborato un qualcosa di suo. Il copia e incolla per un giornalista penso sia umiliante.

"...Tutto sommato hai fatto qualche contatto in più..."
??????????????

@ tu6currau
Ho visto, ho letto, mi è piaciuto.
Grazie! ^_*

il Russo ha detto...

Cara Ros@, innanzitutto grazie per l'ospitalità rispondo solo ora alla tua risposta (destrutturante, ma va molto di moda sfasciare punto su punto un ragionamento estrapolando da un contesto vari periodi, ma il blog é tuo, tu detti le danze ed io ti verrò dietro) perchè solo ora ho letto, chiedo scusa se mi dilungherò ma ho capito che ad esser sintetici poi si viene pure presi per i fondelli.
Allora, banalizzi la mia affermazione ""...Questo pezzo ha fatto un piacere solo ai detrattori de l'Unità..."".
Basta leggere i commenti su ok Notizie e qua sopra, in gran parte contro il giornale fondato da Gramsci e la sua nuova direzione ed in minoranza con lo scivolone compiuto da Filippetti, per vedere che si é scatenato un tiro al piccione su un organo di stampa MOLTO sgradito in questa fase "culturale" e storica del paese.
Di rimando addirittura insinui che io non abbia letto il pezzo! Ti ringrazio per la stima, ma non solo l'ho letto, ma come tu insegni un giornale non (dovrebbe) risponde degli infortuni professionali di un singolo professionista, e allora da (PESSIMO!) blogger quale sono ho approfondito, anche grazie a google: il perfido Filippetti (i suoi omonimi sono un pittore, un esponente del Veneto Fronte Skinheads ecc.) é uno stagista che si "arricchisce", oltre che rubando i pezzi a Daniele, curando da tempo pezzi che riguardano la Lega, il razzismo, condannando tutte le forme di xenofobia, insomma tutta roba che lo fà arricchire e fare una carriera fulminante. Giusto quindi esporlo alla gogna di internet e massacrarlo, vuoi mettere un così schifoso giornalista (non lo é, ma piccoli grillini sfasciatori crescono) della casta e non sottoporlo a una bella gogna mediatica? Su molti blog ci definiamo tanto antirazzisti e sproniamo a diffondere il più possibile informazione su tale materia poi, quando uno lo fa attingendo dalla rete un pezzo che contribuisce a creare cultura antixenofoba, lo distruggiamo perchè ha copiato un pezzo, prima la forma poi i contenuti, alla faccia di articolo 21, w il copyright...
"...alzi la mano il blogger o il cybernauta che non é, mai andato a pescare a piene mani (senza citarlo) da un'altra parte..." Quindi alzo la mano!
Abbassala pure, per onestà intellettuale quantomeno... O tutte le foto che posti le hai fatte tu in giro per il mondo, oppure le hai scippate a tutte le agenzie e massmedia ove le hai prese e le hai postate senza citare l'autore, siccome la realtà é la second,a non ci esci molto coerente (é un eufemismo...).
Il paragone fra mediaset/youtube é pertinentissimo, non capisci perchè metti la proprietà intellettuale parlando di copia incolla innanzi a tutto, io metto l'informazione ed il copyleft, sono due modi di concepire la libertà d'informazione e la diffusione della stessa diversi, tranquilli però che fra un pò metteranno il diritto d'autore pure sulle parole che diciamo e saremo sempre più all'oscuro di tutto.
"...Tutto sommato hai fatto qualche contatto in più..."
??????????????
Non capisci? Allora te lo spiego io e lo spiego anche ai tuoi lettori, nella home di questo blog c'é il contatore free di shinystat, cliccando sopra si vedono i contatti a questo blog negli ultimi 30 giorni, bene, "...libera tutti" mediamente ha (stando larghi) una trentina di contatti al giorno compresa la sua gestrice, ieri sparando a zero su l'Unità questo blog ha avuto 864 CONTATTI, UN INCREMENTO RISPETTO AGLI ULTIMI 7 GG DEL 306,5 PER CENTO, IN UN SOLO GIORNO HA FATTO IL 10% DEI CONTATTI CHE HA FATTO DA QUANDO ESISTE, OSSIA IN SEI MESI!!!!
Adesso capisci o hai ancora voglia di digitare i puntini di domanda per prendermi per il culo?
Ecco, in questa risposta ho cercato di fare informazione (benchè io sia la cosa più lontana da ciò che si definisce giornalista) ed opinione, ognuno tragga le sue conclusioni.

p.s. Sul blog di Travaglio da te tanto citato, vengono presi e copiati in toto pezzi di Filippetti (citandolo, per carità) segno che tutto sommato questo ragazzo non é il male assoluto, e forse prima di massacrarlo così si poteva pensare due secondi di più...

Ros@ ha detto...

@ il russo:

Noto con dispiacere come un dibattito si possa trasformare in una offensiva guerra verbale. Nell'affermare "...se ti riferisci e ti limiti a leggere solo il titolo...", non insinuavo, di rimando, al fatto che non avevi letto il brano. Affermavo che CHIUNQUE, limitandosi a leggere il titolo, è tentato a formulare critiche contro l'Unità, che, come ho già detto non è responsabile dell'accaduto.
Riguardo a Filippetti, non ho mai avuto nessuna intenzione di criminalizzare il personaggio. Non ho messo in discussione la validità dei contenuti da lui trattati, da cui tralaltro ho già attinto in passato, vedi:

http://mariarosetta.blogspot.com/2008/08/catania-16enne-tolto-alla-madre-la.html

Ho bensì espresso la mia opinione riguardo alla scorrettezza di un gesto, quale l'appropriazione di interi brani di un articolo già esistente. A prescindere dai contenuti mi pare scorretto il gesto.
Per questo non ti permetto di darmi della razzista, dato che l'obbiettivo non è Filippetti.
Non ti permetto inoltre di affermare che il mio post è un espediente per accumulare visite.
Chiudo ribadendo che mi aspettavo un dibattito e non una sfilza di gratuite affermazioni offensive. Non credo che avrò ancora voglia di discutere con te in futuro, se i toni saranno gli stessi, arroganti e polemici, di oggi.

il Russo ha detto...

Nessuno ti ha dato della razzista, bensì dell'ipocrita (l'obiettivo adesso non é Filippetti, prima non era l'Unità e i cocci ora eccoli qua...), che tu lo permetta o meno dalla reazione non ne ho avuto che conferma.
Sali sul tuo aventino sdegnato, il frutto di un certo modo di fare spegne voce libere come questa qua , mentre i Libero, i Giornale ecc. continuano imperterriti, mi fermo per carità di Patria, anzi, censurami che ci fai una figura migliore...

Daniele ha detto...

"L'Unità di oggi ha ripubblicato il pezzo sul congresso antislamico di Colonia. E nell'articolo (riscritto, questa volta, in forma originale) viene citato L'AntiComunitarista come fonte.
Non posso che apprezzare questo atto di onestà che và a riparare una scorrettezza (seppur addebitale a distratta leggerezza) da me subita da parte di un quotidiano cui sono affezionato. Voglio ricordarlo a coloro che magari hanno frainteso il mio risentimento: amo L'Unità, èd per questo che ho avvertito tanta amarezza - ai torti dei nemici si può mostrare indifferenza; i torti fatti dagli amici e dalle persone che si stimano, invece, sono più difficili da ingoiare.
Sono quindi felice di poter ora tornare a guardare al "mio" giornale con la stima e con il senso di amicizia di sempre."

Roberto Cicchetti ha detto...

Ciao, stavo cercando su google e ho trovato il post giusto. Io faccio parte di un nuovo partito politico, e poprio ieri stavamo a piazza navona a prendere le firme per abrogare il Lodo Alfano. Oggi sull' Unità online la giornalista Rachele Gonnelli ha pubblicato un articolo in cui dice che io "vengo dalle file di Alleanza Nazionale" e che il mio partito "vuole usare i carcerati per costruire abitazioni popolari". E' ovvio che tutto ciò è falso, per scrivere tali diffamazioni almeno che si presentino le prove!!!
Ma soprattutto, per scrivere qualcosa su di me, serve una cosa fondamentale: un'intervista; cosa che non mi è stata fatta!!!
Mi viene quasi da ridere (anzi, vorrei ridere, perchè il nostro banchetto ha preso più di 600 firme), ma la signora ha rovinato la giornata e i festeggiamenti a tutta l'associazione. Io spero nella pubblicazione di una smentita (ma non ci conto). Quello che mi chiedo è perchè la redazione del giornale permetta queste cose; di sicuro hanno totalmente perso la fiducia sia del mio partito che di tutte le altre associazioni che si sono prestate per la raccolta firme.
Un abbraccio forte.
Roberto Cicchetti

P.S. vi lascio il link all'articolo, fatevi due risate.
http://www.unita.it:80/view.asp?IDcontent=79877