Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

domenica 10 maggio 2009

Lettera al presidente della Repubblica Italiana





















Oggi è un giorno dedicato a tutte le mamme e il mio pensiero corre da lei, da "mamma coraggio".


"Mamma coraggio" ha un nome, Ornella Gemini che da quell'infausto 24 giugno 2008 non fa altro che gridare:

"GIUSTIZIA PER NIKI !"


Niki ha perso la vita dentro un carcere, in circostanze poco chiare.

Ornella ritiene che la morte del figlio, sia opera di una congiura per chiudere la bocca ad un pericoloso testimone .

Ornella si è rivolta a personalità politiche e gionalistiche, con scarsi esiti
( come potete leggere sul suo blog).

Le uniche persone a risponderle, in ordine cronologico, sono state: un comico (Beppe Grillo), un gionalista di "Liberazione" ( Daniele Nalbone), un politico ( Anna Maria Concia del P.D.).
Ornella ha scritto pure al nostro Presidente della Repubblica, un appello accorato che non ha avuto finora nessun riscontro.

Perchè non proviamo tutti insieme ad inviare una lettera raccomandata in forma cartacea, firmata col nostro nome e cognome?

Tutti insieme possiamo provare a rompere questo silenzio!

Questo è il testo della lettera che domani spedirò al seguente indirizzo:

Al Presidente della Repubblica Italiana
On.le Dott. Giorgio Napolitano

Palazzo del Quirinale
00187 ROMA




Onorevole Presidente,

Sono un/a cittadino/a italiano/a, che crede fermamante nei valori della Giustizia, della Libertà e dei Diritti Umani.


La Costituzione della Repubblica Italiana Le riconosce, non solo le funzioni di Capo dello Stato, ma anche quelle di Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura.

A Lei quindi mi rivolgo , per sottoporLe un caso di ingiustizia perpetrata ai danni di un giovane ragazzo, Niki Aprile Gatti.


Niki aveva solo ventisei anni. Da un anno e mezzo viveva a San Marino dove lavorava come informatico per un gruppo di aziende oggetto di un' inchiesta per truffa telefonica e frode informatica da parte del Magistrato fiorentino Paolo Canessa.

Le Società incriminate sono la Oscorp Spa, Orange, OT&T e TMS, tutte residenti a San Marino, la Fly Net di Piero Mancini, Presidente dell'Arezzo Calcio, ed altre Società con sede a Londra.


Niki era incensurato, non aveva mai avuto problemi con la Giustizia; arrestato per la prima volta, viene immediatamente portato nel carcere di sicurezza di Sollicciano in regime di Custodia Cautelare.


Per ipotesi di reato e truffa informatica vengono arrestate diciotto persone, però solo Niki finisce in quel carcere duro

Il 23 giugno 2008, Niki viene interrogato dai Pm e, manifesta da subito l’intenzione di dire tutto quello che sa.

Il giorno successivo, viene trovato morto, impiccato durante l'ora d'aria, in bagno.

L’ipotesi è di suicidio, eppure siamo in tanti a sostenere che Niki non si è suicidato.


E’ molto strano che un ragazzo di appena 26 anni, incriminato solo per truffa informatica, intenzionato fra l’altro a collaborare con la Giustizia, decida di compiere questo gesto insano

L’ipotesi del suicidio, a mio modesto avviso, non regge per i motivi che vado ad elencarLe:


* Nel verbale si legge la testimonianza di un Agente secondo cui, lui e Niki, alle ore 10:00 del 24 Giugno stavano parlando del processo. Ma l'Autopsia riporta il momento del decesso proprio alle 10:00 del 24 Giugno.


* Nell'autopsia si legge che l' impiccagione è avvenuta con dei lacci e dei jeans tagliati. Niki pesava 92 Kg, come potevano dei semplici lacci sostenere il suo peso? Nel bagno, inoltre, non c'è altezza sufficiente fra i jeans appesi e il pavimento.


* Inoltre, non Le pare strano Onorevole Presidente, che in un carcere di sicurezza, un detenuto possa essere in possesso di lacci?


* Infine la madre di Niki, osservando attentamente le foto di suo figlio senza vita ha constatato che questi indossava il pigiama.


* Non Le sembra strano che un giovane detenuto esca in pigiama durante l'ora d'aria?


Tutte queste motivazioni ed altre prove che la signora Ornella Gemini, madre di Niki, è in grado di produrre, dovrebbero essere sufficienti ad evitare l'archiviazione del caso.


La prego ci aiuti a trovare la verità e a rendere giustizia a Niki.

Ci aiuti a non fare archiviare il Giudizio che è aperto presso il Tribunale di Firenze, faccia in modo che vengano espletate delle indagini serie, tali da far emergere tutto quello che è accaduto all’interno di quel carcere il 24 Giugno.


La famiglia di Niki ha il diritto di conoscere la verità, ha il diritto che venga fatta giustizia, ha il diritto che venga restituito l’onore alla memoria del proprio figlio.


Le faccio presente inoltre, che in data 20 aprile 2009 è stata fatta anche un’interrogazione Parlamentare dall’Onorevole Anna Paola Concia del Partito Democratico al Ministero di giustizia e le indico i riferimenti:


Dati di presentazione dell'atto
Legislatura: 16
Seduta di annuncio: 162 del 20/04/2009


Firmatari
Primo firmatario: CONCIA ANNA PAOLA
Gruppo: PARTITO DEMOCRATICO

Data firma: 20/04/2009

Commissione assegnataria
Commissione: II COMMISSIONE (GIUSTIZIA) Destinatari

Ministero destinatario:
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA


E siamo in attesa della Risposta del Ministro.


Onorevole Presidente, il silenzio che in questi mesi ha circondato la vicenda è tremendamente sconfortante. Sono convinta che il Suo intervento sia doveroso, in quanto Capo dello Stato, e indiscutibile, in quanto uomo.

Non ci deluda.



Con Osservanza

Firma


P.S. Allego fotocopia documento di identità e una copia dell’articolo pubblicato su “ Liberazione” , scritto da un coraggioso giornalista, il quale anche lui, chiede che sia fatta chiarezza sulla vicenda.



*******


Mi raccomando, coinvolgete più persone. Fate girare sui Blog, su Facebook, ditelo ai vostri amici, parenti, ai vostri contatti....


26 commenti:

Lino Giusti ha detto...

Stento a credere che possa essere vero !!!!!!!!

ps Ciao Rosa, sconoscevo l'esistenza del tuo Blog; da oggi sei nei miei "preferiti", un rigo sotto a quello del mio amico fraterno Roberto Mangosi. Non ho la tua email; puoi farmela avere? Grazie

by www.linogiusti.it

stella ha detto...

Brava Rosa! Anch'io penso ad Ornella, soprattutto oggi...
Ti abbraccio.

Tua madre Ornella ha detto...

Grazie Rosa!!!
Grazie, sei Unica!
Ti abbraccio
Ornella

Anonimo ha detto...

Il Comitato Verità e Giustizia per
Niki Aprile Gatti
R I N G R A Z I A

ROSA

per l'iniziativa davvero importante
e preghiamo tutti i lettori del blog, ad aderire e a spedire la lettera, in quanto offre maggiore forza alla Interrogazione Parlamentare ed alla indagine
del Ministero di Giustizia.
Vi ringraziamo anticipatamente.

Il Comitato Verità e Giustizia per
Niki Aprile Gatti

Gabriella ha detto...

grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

l'incarcerato ha detto...

Brava Rosa, bravissima. Ecci quello che voglio! Attivismo da aprte di tutti! Sei veramente in gamba. Aspetto domani e la lancio anche io questa tua iniziativa!

Un abbraccio vero e di cuore!

upupa ha detto...

..Rosa ho già postATO SUL MIO BLOG!!!!!!!!!TUTTI INSIEME FORSE....RIUSCIREMO DOVE ALTRI NON SONO RIUSCITI!

amatamari ha detto...

Grazie Rosa.
:-)

sirio ha detto...

Rosa sei fortissima, complimenti!
Bisogna perseverare in casi come questo.

Un caro saluto.

calendula / trattalia ha detto...

ho copiato indirizzo e testo domani mattina appen esco imbuco la lettera. e ora corro a studiare leggi il mio ultimo post cè un garvissimo caso di ingiustizia di cui nessun telegiornale nazionale ha parlato. Un bacio cal.

Ivo Serentha and Friends ha detto...

Ottima iniziativa,salvo il documento,e lo invierò al Presidente della Repubblica,speriamo che le coscienze diano segnali positivi,la mamma chiede che sia fatta una scrupolosa inchiesta sull'inquietante fine di Niki.

Grazie Rosa per l'iniziativa,

&& S.I. &&

stella ha detto...

Stamattina spedirò la lettera al Presidente.

Guernica ha detto...

Domani mattina spedirò anche io questa lettera.
Ti ho già linkata nel mio blog.

Un saluto!

Tu6Currau ha detto...

Pubblicata.
Era un obbligo al quale, come essere umano, non potevo voltare la testa.
Informiamo quanta più gente possibile.

Un saluto

sirio ha detto...

Ciao Rosa, questa mattina ho spedito la raccomandata indirizzata al nostro Presidente della Repubblica.
Ho chiesto la modalità "rapida", per cui domani sarà a destinazione.

Un caro e...solidale saluto!

Rosa ha detto...

@Tutti : Mi avete commossa, vedo con piacere che i nobili sentimenti non sono spariti, questo è uno dei pochi motivi che mi consentono di andare avanti pensando che un futuro migliore è possibile.
Grazie di cuore!

Anonimo ha detto...

Grazie Rosa,
spedita questa mattina!
Massimo

Anna ha detto...

Che bel blog che hai, Rosa. Degnissimo modo per celebrare la festa della mamma. Ornella, persona di rara generosità, è nel mio cuore. Il suo Niki merita giustizia. Il mondo e gli uomini tutti meritano giustizia.

stella ha detto...

Vieni nel mio blog dei premi?

cometa ha detto...

Una buonissima idea. Mi associo.
cometa

Guernica ha detto...

Grazie a te!:)
Tornerò a trovarti spesso.

Guernica ha detto...

P.S. Aderisco anche alla raccolta firme pe la candidatura di Strada!:)

Mi piace molto il tuo blog, ho fatto un giretto di perlustrazione ;)Complimenti!

Antonio Candeliere ha detto...

interessante

Tua madre Ornella ha detto...

Rosa grazie ancora,
sapessi quante ne stanno spedendo!!
Ti voglio bene
ti abbraccio
Ornella

Anonimo ha detto...

al presidente della republica
e chi ascolta
basta con le discriminazioni
basta non aiutare a integrarsi i stranieri ..stasera 20 / 10 / 2009 ore 22-45 in diretta su radio dj radio nazionale hanno detto ..
non diamo il voto a questi( cazzi di stranieri )
basta con l'ignoranza non dobbiamo essere nemici perche troveremo solo dei nemici e cosi succederea anche per istranieri .fin che li facciamo sentire stranieri saranno per sempre cosi ..
grazie

Attilio De Lisa ha detto...

Caro Presidente chi vi parla è Attilio De Lisa da Sanza (Sa) della provincia di Salerno in Campania orgoglioso di avere voi come Presidente della Repubblica deputato a garantire la nostra Democrazia e su questo penso che voi dovreste avere più parola per far ciò senò le leggi vengono cambiate da chiunque e non è giusto. Saluti e vicinanza da un Cavaliere Templare di Cristo ed Esponente Regionale I.D.V. con i suoi veri Valori Nazionali.