Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

mercoledì 15 aprile 2009

Spegnete quella cazzo di TV se non capite la satira!

Il direttore generale della Rai Mauro Masi, ha valutato come «gravemente lesiva dei sentimenti di pietà dei defunti e in contrasto con i doveri e la missione del servizio pubblico questa vignetta di Vauro Senesi



Pertanto la Rai in via cautelativa e da subito non intende avvalersi delle prestazioni del vignettista.


"E' una vergogna !"

Questa decisione mi ha lasciata letteralmente basita, perchè ritengo che un servizio pubblico, soprattutto nel settore della comunicazione, deve sempre garantire e difendere la libertà di espressione ( diritto principe di democrazia) e ancor di più perchè questo dimostra quanto sia allarmante il deficit culturale

Se troppi reality vi hanno rincoglioniti, la colpa non e' di Vauro.
Concordo inoltre con l'analisi fatta da Megachip.info, che riporto per intero:


***************

I provvedimenti presi dai vertici Rai nei confronti della trasmissione AnnoZero dimostrano che la nuova dirigenza del servizio pubblico intende ottemperare da subito ai compiti assegnatigli dalla maggioranza politica che guida il paese.

Il fantomatico “riequilibrio” dei servizi per Santoro e la sospensione di Vauro sono misure gravissime, che vogliono intimidire uno dei pochi spazi di approfondimento giornalistico a disposizione dei cittadini.

Se i contenuti trasmessi dal programma riportano falsità o inesattezze la Rai può agire nelle sedi opportune; ma in questo caso si tratta di un bavaglio all’informazione e alla satira, che dà la misura dello stato di salute della nostra democrazia.

In Italia c’è ancora chi si domanda se si tratti di un regime o meno. Il boia potrebbe arrivare prima della risposta.



Ringrazio infinitamente Ulisse Acquaviva che, in esclusiva su
MAMMA! ,ha tradotto il disegno di Vauro.
Cosi' sapremo chi non ha capito e chi ha fatto
finta di non capire per cambiare discorso.

***************
TRADUZINE

Riassunto delle puntate precedenti: un premier palazzinaro che ha costruito case a Milano con soldi di dubbia provenienza fa proposte deliranti per allargare senza criterio palazzi gia' esistenti anziche' controllare se sono a rischio sismico. Nessuno si scandalizza.


Arriva un terremoto: la protezione civile e' al centro di feroci polemiche, Santoro prova a ragionare su cosa poteva essere fatto meglio e viene sbranato, ma resta al suo posto.

Poi pero' si affaccia un ometto con una matita, prende un pezzo di carta e prova a criticare con il linguaggio della satira il premier palazzinaro. E scoppia un casino da giudizio universale, l'ometto con la matita viene sospeso (a un cappio mediatico/politico) e tutto il mondo benpensante si mette a girare attorno a un pezzo di carta disegnato.

Alcuni lo fanno perche' sono fessi, altri perche' fa comodo al palazzinaro di palazzina Chigi nascondersi dietro le vittime di questo terremoto, per far dimenticare i suoi progetti deliranti e non parlare delle potenziali vittime di quello successivo, che avrebbero potuto affollare i cimiteri proprio come nella vignetta "incriminata" dopo essere stati sepolti sotto case "extracubate".

Allora se proprio non ci arrivate ve lo spieghiamo noi: qui non si sta parlando di buon gusto, la morte non ha buon gusto e ti lascia sempre in uno stato pietoso e schifoso. Provate a chiederlo ai paramedici che hanno dovuto ricomporre le salme ritrovate sotto le macerie. Di fronte alla morte non c'e' spazio per il bon ton, soprattutto quando la penna di un premier (e non la matita di un satiro) puo' contribuire con una firma a stroncare vite umane. E' questa la vera mancanza di rispetto, che insulta i morti e uccide i vivi.

Ma le solite comari del paesino si stracciano le vesti per un pezzettino di carta disegnato, e parlano di lesione dei "sentimenti di pietà dei defunti" anziche' scandalizzarsi per i sentimenti di incazzatura dei vivi di fronte ai pezzi di carta bollata che testimoniano l'irresponsabilita' di chi ci governa.

Anziche' aver denunciato a tempo debito i provvedimenti vergognosi che mettevano a rischio le persone, le comarelle isteriche se la prendono col dito che li indica, un dito che prova a sputtanare le leggi palazzinare senza altro potere che quello del disegno, con l'unico linguaggio in grado di far saltare i potenti dalle poltrone, ma spesso per i motivi sbagliati con salti di indignazione pilotata a comando.

Nell'altro gruppo di comari Daria Franceschina salta sulla sedia con la sottana in mano spaventata dal topolino disegnato, e si limita a dire che "a me Annozero non piace", senza dirci come la pensa sulle leggi palazzinare sputtanate da quella vignetta. Di fronte a questo grande coraggio della denuncia le moltitudini si affollano a San Giovanni Rotondo e fanno voto solenne sulla tomba di Padre Pio di non votare piu' PD nemmeno se dall'altra parte arriva il demonio in persona come candidato PDL.

E noi ci fermiamo a osservare tutta questa idiozia che impedisce di capire, furbizia che fa finta di non capire, ipocrisia, perbenismo e sciacallaggio politico sulle vittime del terremoto usate per tappare la bocca ai nemici illustrati del palazzinaro Chigi.

Di fronte a tutto questo casino godiamo perche' osserviamo il potere infinito che possono avere una matita, un pezzo di carta e due parole scritte, usate contro i potenti da un ometto senza potere. E come il giovane Luke Skywalker, sentiamo scorrere nelle nostre vene questo potere che deriva dalla forza delle parole scritte e disegnate, e ci prepariamo ad usarlo per sconfiggere gli imperi criminali che fanno leggi palazzinare assassine, condoni, ecomostri, grandi opere, trafori e ponti sullo stretto. E se qualcuno nel frattempo si offendera', gli spiegheremo che non he ha motivo, a meno che non sia un seguace dell'impero.
( Ulisse Acquaviva)

Infine la parola all'avv. Antonello Tomanelli del Foro di Bologna
"Brutto atto di censura la sospensione di Vauro per la vignetta sul terremoto. La motivazione è quantomeno pretestuosa, perché stravolge il messaggio satirico della vignetta. Possibile intravvedere gli estremi del reato di diffamazione ai danni di Vauro".
Leggi l'articolo




4 commenti:

Anonimo ha detto...

Azzo sorella, sei piu' incazzosa di me. Bello, bello sul serio, condivido dal primo all'ultimo rigo.
Tra me e la televisione non corre buon sangue, due soli appuntamenti, Anno zero e Report.
Ogni giorno alle 14.00 il TG3, il resto e' nebbia, ma non vado a rompere le nocciole a chi guarda Vespa, a noi vogliono mettere il bavaglio, mi sono incazzata e sono volata sul blog di rai new blog, mi sono sfogata, in perfetto italiano, senza una sola parola sconcia, ma con una betoniera di merda declamato con "il dolce stil novo".
Notte Rosa
Tina Campolo

Rosa ha detto...

AhAhAh Tina mi fai morire dal ridere, sei simpaticissima.

stella ha detto...

Rosa, già una volta Santoro era risultato scomodo.
Le verità fanno male...si sa.
Baci

l'incarcerato ha detto...

Alla fine bisogna pure spiegare i disegni satirici...