Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

sabato 25 aprile 2009

25 APRILE 2009, SESSANTAQUATTRESIMO ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DELL'ITALIA DAL NAZIFASCISMO

È veramente doloroso celebrare il 25 aprile con i muri imbrattati di manifesti neofascisti



**************************************************************

Mamma adorata,


quando riceverai la presente sarai già straziata dal dolore. Mamma, muoio fucilat
o per la mia idea: Non vergognarti di tuo figlio, ma sii fiera di lui. Non piangere Mamma, il mio sangue non si verserà invano e l'Italia sarà di nuovo grande. Da Dita Marasli di Atene potrai avere i particolari sui miei ultimi giorni. Addio Mamma, addio Papà, addio Marisa e tutti i miei cari; muoio per l'Italia. Ricordatevi della donna di cui sopra che tanto ho amato.
Ci rivedremo nella gloria c
eleste.
Viva l'ITALIA LIBERA!

Achille



Achille
Barilatti Di anni 22, studente in scienze economiche e commerciali, nato a Macerata il 16 settembre 1921. Tenente di complemento di Artiglieria, dopo l'8 settembre 1943 raggiunge Vestignano sulle alture maceratesi, dove nei successivi mesi si vanno organizzando formazioni partigiane, dal gruppo " Patrioti Nicolò" è designato comandante del distaccamento di Montalto . Catturato all'alba del 22 marzo 1944, nel corso di un rastrellamento effettuato da tedeschi e fascisti della zona di Montalto, mentre 26 dei suoi sono fucilati immediatamente sul posto e 5 vengono salvati grazie al suo intervento, egli viene trasportato a Muccia (Macerata) ed interrogato da un ufficiale tedesco ed uno fascista. Fucilato senza processo alle ore 18,25 del 23 marzo 1944, contro la cinta del cimitero di Muccia.
Tratta da: Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana - 8 settembre / 25 aprile 1945 - EINAUDI




112 condannati a morte che conclusero la loro parte di lotta nei seicento giorni della Resistenza italiana comunicano ai loro famigliari o ai loro compagni una estrema notizia di sè, un addio, un mandato. Queste lettere non possono non essere lette, non possono non essere comprese nel loro infinito valore, e comprese, non possono non chiarire i nostri giudizi e migliorare i nostri animi.
Per non dimenticare!


6 commenti:

Tua madre Ornella ha detto...

ingshComplimenti per il post!!
Dobbiamo Resitere ed Agire oggi ancor più di ieri, anche per la loro memoria!!
Ti abbraccio
Ornella

stella ha detto...

Rosa ho pianto da Ornella per la tua lettera e piango qui...

amatamari ha detto...

Il documento che hai inoltrato mi ha toccato il cuore.
E' stato per me un 25 Aprile davvero triste, il peggiore che ricordi, tra l'indifferenza dei bottegai che aprono comunque i negozi e chi di questa indifferenza si nutre per confondere, per ridisegnare la storia delle parti omologando destra e sinistra.
Ciao e grazie.

l'incarcerato ha detto...

Una lettera da far commuovere anche i sassi. Grazie Rosa, grazie davvero...

Rosa ha detto...

@Tutti: Grazie a voi per aver commentato.
La lettera in questione è tratta da un libro che la Regione siciliana ha fatto stampare e distribuire in tutte le scuole, in occasione del trentesimo anniversario della Liberazione.
Oggi questo non sarebbe possibile visti i chiari di luna che ci sono in politica.
Il libro lo cuscodisco gelosamente, perchè lo ritengo una prova incontrovertibile e preziosissima.

upupa ha detto...

.cara Rosa...e festeggiare con certe facce in giro..quanto è umiliante!
sempre vigili