Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

martedì 21 ottobre 2008

"Io e il mio gelato, in Questura per favoreggiamento"

Fotografo assiste al pestaggio di un bengalese e la polizia...


"Una coppetta con nocciola, cioccolato e crema. Me la mette in sacchetto per favore che la porto via".

Sono a Via della Lungaretta nel cuore di Trastevere, giovedì 16 ottobre ore 22:30 circa. Improvvisamente, di fronte alla gelateria, sento schiamazzi, urla e parolacce. Prendo la mia coppetta di gelato, esco in strada e vedo un uomo malmenare un ragazzo del Bangladesh che vende borse contraffatte: un pugno si poggia sulla guancia mentre l'altra mano trattiene la maglia all'altezza della spalla. Il volto del ragazzo è spaventato. Un altro signore cerca di raggruppare la merce prendendola a calci. Ci sono in tutto 5 uomini e una donna che si agitano radio in mano su e giu per la via. I passanti si fermano commentando perplessi l'azione della Polizia municipale in borghese: "manco fosse 'na retata contro i Casalesi" dice uno. I turisti che passeggiano rilassati iniziano a camminare stupiti.

A questo punto io e la mia coppetta di gelato ci avviciniamo timidamente ad un agente e chiediamo:
"Scusate, ma che state facendo?". Non lo avessi mai detto.

"CHI E' LEI! COME SI PERMETTEEE! SI FACCIA GLI AFFARI SUOI!" ,

"Ho fatto solo una domanda mi sembra legittimo.
"

"LEI STA INTRALCIANDO UN'OPERAZIONE DI POLIZIA, LEI NON PUO' FARE DOMANDE, COME SI PERMETTEEE.."

"Ma veramente io…"

"NO NO LEI CI INTRALCIA NON PUO' FARE DOMANDE, CHI E' LEI!? ORA VIENE CON ME IN CENTRALE!",

"Ma veramente io ho solamente fatto una doman…."

"COSA DICE!…. MI FAVORISCA I DOCUMENTI!".Il poliziotto, una volta segnati i miei estremi su un pezzo di cartone, sentenzia:
"ED ORA SI ASPETTI LA NOTIFICA A CASA"

ed io, con molta calma, gli chiedo: "ma sulla notifica c'è anche il fascio littorio?".

BUM! Preso per un braccio e strattonato mi trasportano dentro la volante con tutto il gelato. La sirena è accesa ed il poliziotto, "lievemente" indispettito per la battuta sul fascio littorio, continua ad urlare:
"LEEEI! COME SI PERMETTE! LEI NON MI PUO DIRE COME DEVO FARE IL MIO LAVORO!",

"Si ma io…scusi… ma… ", niente non riesco a controbattere,

e lui ancora:"QUI NON E' POLITICA… LEI HA INTRALCIATO UN AZIONE DI POLIZIAAA!".

Mi arrendo, tanto non mi ascolta e non voglio alzare la voce.

Arrivati in centrale io ed il mio gelato ci sediamo; c'è anche il ragazzo del Bangladesh, il quale, incupito e preoccupato, osserva la sua merce andar via impacchettata dentro degli scatoloni.

Si avvicina un poliziotto: "lei è straniero?"

"no" rispondo io, "

"e allora che ci fa qui? Cosa ha fatto?"

Nel frattempo il poliziotto che urlava si riunisce con altre tre persone intorno ad un libro che dal numero delle pagine potrebbe essere il codice penale.
Dopo circa un'ora mi fanno firmare due carte.

Nel verbale di identificazione e Dichiarazione di persona c'è scritto:
"…i sottoscritti Ufficiali/Agenti di P.G. C.M e D.F. hanno proceduto alla compiuta identificazione di persona sottoposta ad indagine, per i reati di cui all'art. 379 e 337 C.P…

" Favoreggiamento e resistenza a pubblico ufficiale???!!!

Uscito dalla centrale il gelato ormai sciolto rompe il sacchetto di carta e cade a terra.

Scritto da
Luca Ferrari per peacereporter

5 commenti:

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Che spavento! Temevo per mia sorella, ma poi temo cmq per le vittime di questa storia. A dire il vero avevo sperato di leggere il nome dell'autore del copione, invece sembra tutto vero.....

kosenrufu mama ha detto...

ma dove siamo finiti!??? ma come siamo finiti in basso!!!!aiuto!!!!

kosenrufu mama ha detto...

ma dove siamo finiti!??? ma come siamo finiti in basso!!!!aiuto!!!!

mau/C ha detto...

povera patria direbbe e dice il buon franco battiato

Il Signor P. ha detto...

Hai tutta la mia solidarietà. Questa cosa ha un nome: Stato di polizia.