Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

domenica 21 dicembre 2008

A Natale siamo tutti più buoni

A Natale siamo tutti più buoni e siamo disposti a perdonare. E magari ci rallegriamo delle tante iniziative benefiche pubblicizzate da imprese, associazioni, enti pubblici.

Ma in nome della solidarietà è tutto permesso?


Chi lavora nel settore no-profit, soprattutto se si occupa di fund-raising, lo sa: Natale è un periodo d’oro, perché donare è più facile.

E allora si moltiplicano le iniziative e le proposte di regali solidali ed equi.

Per molti questa diventa così un’occasione per “fare qualcosa di buono”, e sistemarsi la coscienza, almeno fino a Pasqua, o addirittura al prossimo Natale.
Anche le imprese sanno approfittare di questo “clima natalizio”, esattamente come ha deciso di fare Finmeccanica, come denunciato da Nigrizia.

Ma può la solidarietà bastare a prescindere dal contesto?

In nome della solidarietà, è tutto permesso?





L’holding italiana, in parallelo al business delle armi, si butta a capofitto nel mondo della solidarietà con altri tre progetti in Africa, sostenendo iniziative delle chiese locali e dei salesiani. E con il plauso dei giornali di centrosinistra.


Fare cassa con la carità, evidentemente, non è più una prerogativa solo di onlus o associazioni varie. Lo dimostra la politica di Finmeccanica, l’holding armiera italiana, che ha deciso di buttarsi a capofitto nel mercato della charity. Che non è solo beneficenza. «Ma un impegno sincero nel sociale. Perché non possiamo esimerci dalle responsabilità solidali e culturali richieste dal contesto sociale», ci ricorda affettuosamente Pier Francesco Guarguaglini, presidente nonché amministratore delegato del colosso, leader internazionale nei settori aerospazio, difesa e sicurezza.

Del resto un’azienda che vende carrarmati, navi e aerei da guerra, grandi sistemi di difesa…dovrà pure pagare una tassa espiativa, un balzello per la purificazione mondano/affaristica?

Così, dopo aver lanciato sul suo sito la campagna “Finmeccanica per i bambini africani. Tecnologia e ricerca vestono la solidarietà” (in cui la multinazionale delle armi pubblicizza e mette in vendita una serie di articoli sportivi per tutte le tasche, il cui ricavato è destinato a un progetto d’istruzione per i bimbi africani gestito dalla organizzazione non governativa inglese International Childcare Trust, vedi Nigrizia), ora il vertice dell’holding, «al tradizionale concerto di Natale», ha annunciato tre progetti di solidarietà in Africa.
E per avere la totale remissione dei peccati commerciali, tutti e tre i progetti hanno ricevuto la benedizione della Chiesa.
In Nigeria, infatti, sarà organizzato un Festival della Scienza e creato un Science Center ad Owerri, portato avanti in Italia dall’associazione Assumpta Science Center e patrocinata dal Pontificio consiglio della cultura e dall’Ufficio pastorale universitario del Vicariato di Roma.
In Rd Congo, Finmeccanica, in collaborazione con le missioni salesiane, potenzierà e migliorerà le attività di formazione professionale ed educative degli studenti del College “Technique Don Bosco”, a Kinshasa. In Camerun, sarà realizzato, infine, un mini villaggio, nel distretto agricolo di Mbanda, Diocesi di Eseka (Yaoundè), dotato di un luogo di culto, di attrezzature scolastiche, di un campo medico e di aree adibite all’insegnamento professionale, «sotto il patrocinio e la responsabilità diretta della diocesi di Eseka».
Nei piani alti di Finmeccanica hanno perfino battezzato all’africana la triplice iniziativa, intitolandola “Mwana Simba”, rubando l’espressione a un proverbio in kiswahili che recita: mwana simba ni simba. Gli uomini del marketing aziendale lo hanno tradotto in «un cucciolo di leone un giorno sarà un leone», volendo trasmettere l’idea di un impegno positivo verso le giovani generazioni africane. Ma l’espressione può essere interpretata anche in un altro modo: “un cucciolo di leone è pur sempre un leone”. Traduzione che calza a pennello per Finmeccanica, che fa di tutto per apparire un cucciolo docile, che sostiene iniziative sociali buone. In realtà, resta sempre quel leone che pensa prima di tutto a commerciare armi e a incassare milioni di euro. Lustrandosi l’immagine con l’Africa.
Operazione che sa fare con molta disinvoltura (con la complicità dei giornali di centrosinistra) visto che in passato ha già sponsorizzato altre ong (come Watoto Kenya, che si occupa di bambini poveri in Kenya), e soprattutto la Comunità di Sant’Egidio di Andrea Riccardi, a cui avrebbe versato quasi 300mila euro per un progetto di prevenzione e cura dell’Aids, sempre in Africa. E per non farsi mancare neppure le preghiere francescane, le pubblicità di Finmeccanica continuano ad apparire su San Francesco patrono d’Italia, rivista mensile dei francescani del Sacro Convento di Assisi.
Certo, Finmeccanica è inossidabile e giustamente impermeabile ai sensi di colpa. Anzi. Ma neppure alcuni bravi cristiani e alcune organizzazioni religiose, evidentemente, hanno la puzza sotto il naso.

("Benedetta Finmeccanica" di Gianni Ballarini, pubblicato su NIGRIZIA.it)

10 commenti:

l'incarcerato ha detto...

La Finmeccanica? Sapevi che rientrava anche lei nell'inchiesta di De Magistris. Così, tanto per cambiare.

Guarda quello che dici tu è tutto vero, per assurdo questye schifose imprese finanziano pure le organizzazioni umanitarie...

Bè buon natale..anche se c'è ben poco da festeggiare...

Luana ha detto...

...brava a denunciare! Il denaro non ha odore eh?...

P.S.: hai delle musiche che mi rapiscono la mente ogni volta :)...

Ad ogni modo...dolce fiore siculo volevo augurarti un felice Natale e un anno di gioia, credo che il tuo grande cuore se lo meriti...e buon Natale anche a quel musino simpatico che si vede nella slide show :)

Bacioni

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Non è una prerogativa solo di Finmeccanica. Altre Imprese in altri settori fanno lo stesso

Per esempio la Raffineria IES di Mantova che inquina in modo impressionante la città ed i dintorni ha messo su molti iniziative benefiche anche, e qui viene i comico, a favore dell'ambiente.

Ne parlai tempo fa in un mio post al riguardo.

Cercano di lavarsi la coscienza da un lato, e di apparire più buoni (ipocritamente più buoni) dall'altro...

Silvia ha detto...

Beh, da una parte magari ammazzano tanti bambini con le loro attività... e dall'altra parte... pretendono di salvarli questi bambini... E pretendono di chiamarla coerenza... o più semplicemente "coscienza sozza da ripulire", che dir si voglia...

A Natale non è che i cattivi sono più buoni: diventano solo più subdoli...

:*-(

***

Ti auguro felice, felice, felice Natale!!!!

;-)

lellofieramosca ha detto...

Ciao Rosa
sono saltato a te da Silvio di Giorgio e guarda un po' che coincidenza.
La foto che tu hai messo in primo piano,io la uso come pagina iniziale.
Se ti va,vienimi a trovare,
ciao e ti auguro un:buone feste.

Rosa ha detto...

@l'incarcerato: No! Non sapevo che
Finmeccanica rientrasse nell'inchiesta di De Magistris. Hai una fonte attendibile da segnalarmi?
Grazie anticipatamente.

@Luana:Il musino simpatico, si chiama Gigio,ha due anni e quella foto è stata scattata lo stesso giorno della sua seconda vita.Gigio infatti è l'unico superstite di una intera cucciolata,che il solito stronzo ha avvelenato( mamma compresa). Ora abita con noi e gli vogliamo un gran bene.
P.S. sono contenta che le mie scelte musicali ti piacciono :)

@Daniele Verzetti: Passerò a leggerlo quel post, così tanto per conoscere meglio chi sono questi "benefattori"

@Silvia: Subdoli...brava!
Subdoli è l'aggettivo giusto per definirli

calendula / trattalia ha detto...

solo una parola: SCHIFO!!!. schifo per i fabbircatori di morte schifo per i venditori di indulgenze schifo per chi ha sollevato dall'incarico De Magistris,
se non ci si sente prima, ti auguro buone feste.
Un bacio Calendula

stella ha detto...

Rosa sempre temi scottanti eh...?

Bravissima occorre denunciare tante nefandezze!

Con affetto

Gianna

mau/C ha detto...

"What's the colour of money what's the colour of money, don't tell me that you think is green me I know it's red"

alexilgrande ha detto...

X il Rockpoeta

Chiamala "operazione simpatia". xD