Ascoltate Josè Saramago intervistato da Serena Dandini

lunedì 9 febbraio 2009

Rompiamo il silenzio

"La democrazia è in bilico".



Firma l'appello di Libertà e Giustizia.


"Il cammino della democrazia non è un cammino facile. Per questo bisogna essere continuamente vigilanti, non rassegnarsi al peggio, ma neppure abbandonarsi ad una tranquilla fiducia nelle sorti fatalmente progressive dell'umanità... La differenza tra la mia generazione e quella dei nostri padri è che loro erano democratici ottimisti.
Noi siamo, dobbiamo essere, democratici sempre in allarme".

Norberto Bobbio


Rompiamo il silenzio Mai come ora è giustificato l'allarme. Assistiamo a segni inequivocabili di disfacimento sociale: perdita di senso civico, corruzione pubblica e privata, disprezzo della legalità e dell'uguaglianza, impunità per i forti e costrizione per i deboli, libertà come privilegi e non come diritti. Quando i legami sociali sono messi a rischio, non stupiscono le idee secessioniste, le pulsioni razziste e xenofobe, la volgarità, l'arroganza e la violenza nei rapporti tra gli individui e i gruppi. Preoccupa soprattutto l'accettazione passiva che penetra nella cultura. Una nuova incipiente legittimità è all'opera per avvilire quella costituzionale. Non sono difetti o deviazioni occasionali, ma segni premonitori su cui si cerca di stendere un velo di silenzio, un velo che forse un giorno sarà sollevato e mostrerà che cosa nasconde, ma sarà troppo tardi.

Non vedere è non voler vedere. Non conosciamo gli esiti, ma avvertiamo che la democrazia è in bilico.

Pochi Paesi al mondo affrontano l'attuale crisi economica e sociale in un decadimento etico e istituzionale così esteso e avanzato, con regole deboli e contestate, punti di riferimento comuni cancellati e gruppi dirigenti inadeguati. La democrazia non si è mai giovata di crisi come quella attuale. Questa può sì essere occasione di riflessione e rinnovamento, ma può anche essere facilmente il terreno di coltura della demagogia, ciò da cui il nostro Paese, particolarmente, non è immune.

La demagogia è il rovesciamento del rapporto democratico tra governanti e governati. La sua massima è: il potere scende dall'alto e il consenso si fa salire dal basso. ll primo suo segnale è la caduta di rappresentatività del Parlamento. Regole elettorali artificiose, pensate più nell'interesse dei partiti che dei cittadini, l'assenza di strumenti di scelta delle candidature (elezioni primarie) e dei candidati (preferenze) capovolgono la rappresentanza. L'investitura da parte di monarchie o oligarchie di partito si mette al posto dell'elezione. La selezione della classe politica diventa una cooptazione chiusa. L'esautoramento del Parlamento da parte del governo, dove siedono monarchi e oligarchi di partito, è una conseguenza, di cui i decreti-legge e le questioni di fiducia a ripetizione sono a loro volta conseguenza.

La separazione dei poteri è fondamento di ogni regime che teme il dispotismo, ma la demagogia le è nemica, perché per essa il potere deve scorrere senza limiti dall'alto al basso. Così, l'autonomia della funzione giudiziaria è minacciata; così il presidenzialismo all'italiana, cioè senza contrappesi e controlli, è oggetto di desiderio.

Ci sono però altre separazioni, anche più importanti, che sono travolte: tra politica, economia, cultura, e informazione; tra pubblico e privato; tra Stato e Chiesa. L'intreccio tra questi fattori della vita collettiva, da cui nascono collusioni e concentrazioni di potere, spesso invisibili e sempre inconfessabili, è la vera, grande anomalia del nostro Paese. Economia, politica, informazione, cultura, religione si alimentano reciprocamente: crescono, si compromettono e si corrompono l'una con l'altra. I grandi temi delle incompatibilità, dei conflitti d'interesse, dell'etica pubblica, della laicità riguardano queste separazioni di potere e sono tanto meno presenti nell'agenda politica quanto più se ne parla a vanvera.

Soprattutto, il risultato che ci sta dinnanzi spaventoso è un regime chiuso di oligarchie rapaci, che succhia dall'alto, impone disuguaglianza, vuole avere a che fare con clienti-consumatori ignari o imboniti, respinge chi, per difendere la propria dignità, non vuole asservirsi, mortifica le energie fresche e allontana i migliori. È materia di giustizia, ma anche di declino del nostro Paese, tutto intero.

Guardiamo la realtà, per quanto preoccupante sia. Rivendichiamo i nostri diritti di cittadini. Consideriamo ogni giorno un punto d'inizio, invece che un punto d'arrivo. Cioè: sconfiggiamo la rassegnazione e cerchiamo di dare esiti allo sdegno.
* * *

Che cosa possiamo fare dunque noi, soci e amici di Libertà e Giustizia? Possiamo far crescere le nostre forze per unirle alle intelligenze, alle culture e alle energie di coloro che rendono vivo il nostro Paese e, per amor di sé e dei propri figli, non si rassegnano al suo declino. Con questi obiettivi primari.

Innanzitutto, contrastare le proposte di stravolgimento della Costituzione, come il presidenzialismo e l'attrazione della giurisdizione nella sfera d'influenza dell'esecutivo. Nelle condizioni politiche attuali del nostro Paese, esse sarebbero non strumenti di efficienza della democrazia ma espressione e consolidamento di oligarchie demagogiche.

Difendere la legalità contro il lassismo e la corruzione, chiedendo ai partiti che aspirano a rappresentarci di non tollerare al proprio interno faccendieri e corrotti, ancorché portatori di voti. Non usare le candidature nelle elezioni come risorse improprie per risolvere problemi interni, per ripescare personaggi, per pagare conti, per cedere a ricatti. Promuovere, anche così, l'obbligatorio ricambio della classe dirigente.

Non lasciar morire il tema delle incompatibilità e dei conflitti d'interesse, un tema cruciale, che non si può ridurre ad argomento della polemica politica contingente, un tema che destra e sinistra hanno lasciato cadere. Riaffermare la linea di confine, cioè la laicità senza aggettivi, nel rapporto tra lo Stato e la Chiesa cattolica, indipendenti e sovrani "ciascuno nel proprio ordine", non appartenendo la legislazione civile, se non negli stati teocratici, all'ordine della Chiesa.

Promuovere la cultura politica, il pensiero critico, una rete di relazioni tra persone ugualmente interessate alla convivenza civile e all'attività politica, nel segno dei valori costituzionali.

Sono obiettivi ambiziosi ma non irrealistici se la voce collettiva di Libertà e Giustizia potrà pesare e farsi ascoltare. Per questo chiediamo la tua adesione.


Oltre 100mila adesioni

AIUTAMI A DIFFONDERE, GRAZIE!


*****



Vi comunico con immensa gioia che :

il sit-in per Niki Aprile Gatti svoltosi
Mercoledì 11 febbraio a Roma in Piazza Montecitorio, é andato proprio bene!
Clicca Qui per il resoconto
Ma non è ancora finita perchè,
questa è una storia su cui bisogna far
luce






7 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Grazie per aver ricordato il sit-in. Firmerò ovviamente.

Silvia ha detto...

Fatto!

solopoesie ha detto...

ROSA!!
Ho visto che nel concorso di poesia di stella mi hai votata
-preghiera di una mamma-
Sono commossa è lusingata ..
Ti ringrazio.
Quando avrò un pò di tempo verrò a leggere con più attenzione il tuo post..
GRAZIE ........Ti auguro una felice giornata.........lina

l'incarcerato ha detto...

Grazie Rosa per il tuo contributo, oggi ho fatto un post su come si è svolto il sit-in. Per il resto io ho frimato subito.

La democrazia comunque è sempr estat in bilico. La mentalità fascista, e la relativa azione non è mai tramontata.

Grazie ancora Rosa!

calendula / trattalia ha detto...

passo per un saluto e corro a firmare Un bacio Calendula

Rosa ha detto...

@solopoesie: Sono io che devo ringraziare te, per avemi emozionata con la tua bellissima poesia.
Verrò a trovarti presto.
Promesso!

@TUTTI: Grazie per aver firmato

solopoesie ha detto...

CIAO ROSA!!

Non ho mai visto un blog
Ricco di argomenti come il tuo..
Condivido tutto ...

Riguardo al caso Eluana ,
lei era in un stato vegetativo persistente permanente non ho mai sentito che ci siano stati risvegli nelle persone in ,stati di coscienza ridotta e non morte cerebrale.....in
un certo senso dopo 17 anni era basissima la percentua di risveglio .

Io sono di fede cattolica , ma mi viene da pensare che persino Nostro Signore ha penato meno 3 giorni appana
Lei..Eluana era una persona di inestimabile valore con tanta gioia di vivvere , ma la sua che vita era? sono sicura che se lei potesse parlare avrebbe detto che finalmente ha trovato pace nella vita eterna .

Teniamo conto che per anni l'abbiamo trasformata in un ingombrante pacco postale,e dopo mille equivoci e duemila contrattempi veniva continuamente rispedito al mittente.

Peverini questi genitore ..
E' ora che vengano spenti i riflettori, che scenda il silenzio questo sia segno d'amore di rispetto verso questa creatura e la sua famiglia, che sia la Luce Divina ad accoglierla.

e porti conforti ai loro cari.

Un bacio Rosa e a presto ....Lina.